» Erboristeria

1
Perchè io ho l’allergia e lui no?
2
Propoli Estratto Benedettine di Orte
3
Balsamo di Camaldoli Crema al Mentolo
4
Essenza di Lavanda di Arenzano
5
Tisana n°1 di Camaldoli, Lassativa (alla gramigna composta)
6
Mirtillo nero: un piccolo frutto dalle tante virtù
7
Calli e Duroni: i rimedi naturali dell’Erboristeria Monastica
8
Unguenti Balsamici per le vie respiratorie

Perchè io ho l’allergia e lui no?

Per chi soffre di allergia, la primavera perde tutto il suo fascino, asma e rinite sono in agguato e vince il fastidio di nasi che colano, prurito, occhi che si arrossano; queste condizioni possono limitare fortemente la quotidianità dei soggetti colpiti.

Le allergie sono il risultato di una risposta ipersensibile del sistema immunitario nei confronti di agenti estranei, denominati appunto allergeni, che possono essere sostanze anche molto diverse fra loro come pollini, spore, polvere. La persona che soffre di allergia, ha dunque un’eccessiva reazione agli stimoli esterni, molto probabilmente ha un sovraccarico tossinico maggiormente localizzato nel fegato, per molte persone è anche un fatto costituzionale, spesso infatti è una buona idea prevenire, depurando il fegato con tisane o ancora meglio estratti freschi a base di tarassaco, carciofo, cicoria e cardo mariano, come il Succo Primavera del Laboratorio erboristico delle Monache benedettine di Orte.

L’importanza della prevenzione è un’azione strategica importante, ma se l’allergia è già in atto?

Per trattare le allergie la medicina propone farmaci antistaminici, cortisonici e antinfiammatori talvolta indispensabili, ma che molto spesso hanno pesanti effetti collaterali se prolungati nel tempo e negli anni.

Lo sapevate che esistono antistaminici naturali?

Il ribes nero (ribes nigrum) è uno di questi, nelle sue gemme sono contenuti in grande quantità dei principi attivi, probabilmente di natura steroidea, che hanno un’azione cortisone-simile. La sua azione si esercita a livello del corticosurrene (una ghiandola endocrina che, come suggerito dal nome, è situata sopra il rene), del quale sembra stimolare la secrezione d’ormoni antifiammatori. Le bacche di questa pianta oltre che una netta azione antiallergica, sono indicate in tutti gli stati infiammatori poichè ricco di antiossidanti e vitamina C.

Riscoperti all’inizio di questo secolo i molteplici usi di questa preziosa pianta, ma la sua conoscenza risale a tempi più antichi, verso la fine del settecento, molti furono i trattati erboristici stampati sul ribes nigrum, considerato già all’epoca come “panacea di tutti i mali” e largamente usato per guarire pestilenze e febbri.

Di nuovo le Monache del Laboratorio Santa Ildegarde di Orte si rifanno alla più autentica ed antica sapienza erboristica. Anche il Ribes Nero è prodotto sotto forma di estratto, molto concentrato, mantenendo quindi intatte tutte le proprietà e i principi attivi.

Propoli Estratto Benedettine di Orte
La Propoli prodotta dalle api a difesa dell’alveare può essere un aiuto per l’organismo contro le azioni microbiche, l’insorgere del raffreddore, l’influenza, il mal di gola… Le Monache benedettine di Orte consigliano di utilizzarla direttamente nella parte infiammata (zona gola e tonsille) in caso di mal di gola (se troppo forte mettere 10-15 gocce in un cucchiaino di miele).
Balsamo di Camaldoli Crema al Mentolo

Il Balsamo di Camaldoli (Crema al Mentolo) è ideale per massaggi sul corpo. Da utilizzare spalmando la crema sulla parte dolente con leggero massaggio circolare fino a completo assorbimento.

Disponibile online → http://bit.ly/balsamocamaldoli

 

 

Essenza di Lavanda di Arenzano

L’Essenza di Lavanda di Arenzano (Padri Carmelitani del Santuario di Gesù Bambino). La Lavanda ha proprietà balsamiche e antisettiche: poche gocce dell’olio essenziale sul fazzoletto o sul cuscino aiutano nei casi di sinusite e raffreddore. Frizionando la fronte aiuta a rilassare, mentre insieme ad un leggero massaggio sulla nuca è utile ad alleviare il mal di testa.

Disponibile online → http://bit.ly/essenzadilavanda

Tisana n°1 di Camaldoli, Lassativa (alla gramigna composta)

Efficace tisana lassativa dei monaci camaldolesi alla Gramigna Composta. Uso: una tazza alla sera (per uno o due cucchiaini) prima di coricarsi o al mattino a digiuno.

Acquista online → Tisana n° 1 di Camaldoli

Mirtillo nero: un piccolo frutto dalle tante virtù

Sono davvero così tante le proprietà del mirtillo che non dovrebbe mai mancare sulle nostre tavole. Ottimo consumato fresco quando è di stagione, e ancora più buono se trasformato in marmellate e succhi di frutta in modo da poterne beneficiare per tutto l’anno.

Questo piccolo frutto è un concentrato di virtù: ricco di vitamine, in particolare C, A, E e vitamine del gruppo B tra cui l’acido folico; di minerali, soprattutto potassio. È inoltre uno degli alimenti più ricchi di antiossidanti che, oltre a conferirgli il suo caratteristico colore blu/violaceo, svolgono importantissime funzioni per il nostro organismo, riducendo l’invecchiamento cellulare, rafforzando il tessuto dei vasi sanguigni migliorando il microcircolo e riducendo i rischi cardiovascolari. Il mirtillo infine è noto per i suoi benefici per la vista.

Nella nostra Bottega Monastica potrete trovare tanti prodotti a base di mirtillo come la Soluzione di Mirtillo del Monastero Benedettine S.M. delle Grazie, prodotta con la spremitura delle bacche del frutto, molto concentrata ed utile in caso di fragilità capillare e per la stanchezza della vista, o come il Succo di Mirtillo del Monastero di Camaldoli, puro e senza zuccheri aggiunti, o i Flaconcini di Miele, Mirtillo e Pappa Reale, che uniscono alle proprietà del mirtillo quelle del miele e della pappa reale, per un mix rinvigorente e benefico; e per i più golosi non mancano la Confettura di Mirtilli delle Monache Trappiste di Vitorchiano e il Miele Frutta al Mirtillo del Monastero di Camaldoli, un miele con aggiunta di mirtilli, ottimo da spalmare o per arricchire lo yogurt ed il gelato.

Calli e Duroni: i rimedi naturali dell’Erboristeria Monastica

La causa più comune della comparsa di quei antipatici rigonfiamenti di pelle dura sulle dita e sotto le piante dei piedi, sono scarpe inadatte o scomode. Stiamo parlando di calli e duroni: ispessimenti della pelle che si formano in zone dove il piede crea maggiore attrito e pressione.

Possono manifestarsi solo come disagi estetici, ma a volte diventano dolorosi e fastidiosi, capaci di minare la calma della nostra quotidianità. Calzature che non stringano o irritino i piedi possono prevenire la formazione dei calli, ma per quelli già presenti si può correre ai ripari con delle apposite preparazioni che ammorbidiscono la zona colpita.

 

GOCCE DI CAMALDOLI (CALLIFUGO)

L’Antica Farmacia dei Monaci Camaldolesi prepara un valido callifugo: le Gocce di Camaldoli Callifugo con estratto di lavanda e acido salicilico. Grazie alla sua efficace azione emolliente e cheratolitica, bastano tre o quattro gocce sulla zona da trattare, applicate per alcuni giorni.


 

Unguento Sandalino per Calli e Duroni

Un altro elaborato per sconfiggere calli e duroni, proviene dal Laboratorio Erboristico delle Monache Benedettine di Orte: l’Unguento Sandalino per Calli e Duroni. Contiene cera d’api, olio di oliva e acido salicilico; è arricchito dalle proprietà emollienti dell’umbilicus rupestris (meglio conosciuto come ombelico di venere), e della menta, per idratare e ammorbidire la parte da trattare.

 

Questi due preziosi preparati monastici sciolgono gradualmente la pelle dura e permettono di rimuovere il callo con grande facilità nell’arco di pochi giorni o qualche settimana al massimo. Già dopo la prima applicazione, è comunque possibile trarre da questo medicamento un piacevole sollievo da dolore e fastidio.

 

Unguenti Balsamici per le vie respiratorie

L’Effluvio Balsamico dell’Antica Farmacia di Camaldoli e l’Unguento all’Eucalipto dell’Erboristeria delle Monache di Orte per liberare le vie respiratorie.

Con i primi freddi, lo sbalzo di temperature e ai cambi di stagione sempre più repentini, può capitare che il nostro organismo ne risenta, infatti in questi periodi è molto facile ammalarsi e solitamente a farne le spese sono le prime vie respiratorie. Per correre tempestivamente ai ripari con rimedi naturali, contro le affezioni da freddo, può essere utile ricorrere agli unguenti balsamici per decongestionare e liberare il respiro.

Ecco due ottimi rimedi che portano sollievo e prevengono questi scomodi malanni:

L’Unguento all’Eucalipto delle Monache Benedettine di Orte, si presenta come un estratto oleoso di Cera d’api ed Eucalipto. Spalmato sul petto, sui polsi, ma anche sulle tempie offre un immediato sollievo grazie ad una fresca sensazione di apertura in casi di raffreddamento. L’ingrediente principale di questo prodotto è l’Eucalipto, potente rimedio dei tradizionali sintomi influenzali. Il suo prezioso olio essenziale viene ricavato da un albero maestoso e sempreverde; grazie alla sua azione mucolitica, oltre che balsamica, è un’ ottimo espettorante e antibatterico, garantendo così un netto miglioramento della respirazione.

L’Effluvio Balsamico dei Monaci Camaldolesi oltre a contenere l’Eucalipto è composto da altre piante balsamiche come la Canfora, il Cedro, la Melissa e il Timo. Un preparato versatile, utilizzabile come balsamo da spalmare o come soluzione per liberatori suffumigi. Aggiunto a dell’acqua bollente genera vapori che, se inalati, producono un effetto espettorante, fluidificando efficacemente il muco.

Copyright © 2014. Realizzato da Terra in Cielo - Prodotti dei Monasteri.